Malattia dei capelli sì

L'alopecia androgenetica (AHA) è una condizione poligenica complessa, che è la forma più comune di perdita di capelli che colpisce fino all'80% degli uomini e al 50% delle donne durante la loro vita. L'alopecia androgenetica è un termine che molti uomini e così poche donne conoscono bene.

L'alopecia androgenetica nelle donne (AHA) non è senza ragione chiamata androgena, poiché è più o meno associata ad un aumento degli ormoni maschili o ad una maggiore sensibilità dei recettori del follicolo pilifero agli androgeni. Può anche essere il risultato di disturbi nell'attività degli enzimi coinvolti nel metabolismo degli ormoni, come: 5-alfa reduttasi (aumento dell'attività) o aromatasi (diminuzione dell'attività di questo enzima). Nell'alopecia androgenetica, i follicoli piliferi geneticamente predisposti sotto l'influenza della stimolazione androgenica sono inclini alla miniaturizzazione, che si traduce nella sostituzione dei capelli pigmentati terminali con capelli depigmentati appena percettibili. Ciò porta a una progressiva diminuzione della densità dei capelli visibili sulla testa, che si verificano secondo un certo schema a seconda dell'età e del sesso. In poche parole: la nostra età, una combinazione di ereditarietà, l'influenza degli ormoni porta al fatto che alcuni follicoli piliferi diventano sempre più piccoli. Questi fattori salvano i capelli dall'esecuzione del loro normale processo di crescita. Nelle forme maschili e femminili di AHA, i follicoli piliferi diventano gradualmente più piccoli e il periodo di tempo durante il quale i capelli diminuisce, di conseguenza quasi tutti i capelli diventano più sottili e più corti con ogni ciclo di crescita dei capelli. Il processo di rinnovamento dei capelli avviene continuamente, quindi nella fase iniziale della malattia alcune donne non attribuiscono importanza al fatto che i loro capelli hanno iniziato a assottigliarsi. Va notato che l'alopecia androgenetica è essenzialmente un disturbo estetico.

La storia familiare di AHA, che indica una forte predisposizione genetica, aumenta significativamente il rischio del suo sviluppo. I meccanismi di ereditarietà della calvizie maschile e femminile non sono puramente compresi..

I primi sintomi di alopecia androgenetica si manifestano sotto forma di assottigliamento e perdita di luminosità dei capelli. L'ottusità e la mancanza di vita saranno presto integrate con il sintomo principale: la caduta dei capelli.Un segno distintivo di alopecia androgenetica dalla perdita di capelli quotidiana naturale per rinnovare è che i capelli giovani che hanno appena iniziato a crescere iniziano a crescere.

Attualmente, per il trattamento dell'alopecia androgenetica, la FDA (Food and Drug Administration) ha approvato solo 2 farmaci: minoxidil e finasteride. Il minoxidil viene applicato localmente ed è disponibile in commercio come soluzione al 2% o al 5%. La finasteride è assunta per via orale (solo uomini). I dispositivi per la terapia della luce laser a onde basse, ad esempio, realizzati sotto forma di un dispositivo simile a un pettine, sono disponibili in commercio. In uno studio in doppio cieco, controllato e multicentrico della durata di 26 settimane, 110 pazienti facevano parte del gruppo di trattamento attivo, dopo di che hanno mostrato un miglioramento significativamente più pronunciato nella crescita complessiva dei capelli rispetto al gruppo di controllo. Registrato con il nome HairMaxLaserComb, questo dispositivo ha ricevuto l'approvazione della FDA per l'uso in dispositivo medico di qualità. Si noti che l'approvazione della FDA riguarda più la sicurezza piuttosto che l'effettiva efficacia, e i dati richiesti per i dispositivi medici sono molto diversi da quelli necessari per dimostrare la sicurezza e l'efficacia dei farmaci.

Ma ciò non significa che non esistano schemi di correzione alternativi per varie forme e fasi dell'AHA, non approvati dalla FDA. Ai primi segni di diradamento dei capelli, perdita di capelli oltre i 6 mesi e perdita di volume dei capelli - consultare immediatamente un tricologo qualificato. Vi auguro tutti capelli belli e sani!

Come capire che questa non è solo perdita di capelli, ma calvizie. I consigli del tricologo per l'alopecia

Il post di oggi è dedicato a un argomento difficile. L'alopecia è una diagnosi che tutti hanno paura di ascoltare senza eccezioni. Nelle donne, il più delle volte si verifica l'alopecia androgenetica (AHA) - una forma ormonale-genetica di calvizie, i cui primi segni possono apparire già tra i 16-18 anni.

Il tricologo Tatyana Tsymbalenko racconta ciò che dobbiamo sapere sull'alopecia.

Come capire che non è stato superato ancora un'altra perdita di capelli, ad esempio, a causa di una serie di stress, ma che questi sono i primi segni di alopecia?

Uno dei segni più caratteristici nelle donne è l'espansione della divisione centrale e l'assottigliamento nella zona frontale. Ciò è particolarmente evidente al sole o alla luce che cade dall'alto (ad esempio, nel bagno). I capelli lungo la divisione centrale diventano più sottili, cadono, parte dei follicoli piliferi smette di funzionare. Altri tipi di alopecia - nidificazione e cicatrici - sono accompagnati dalla comparsa di focolai di mancanza di capelli, rotondi o di forma irregolare, al centro dei quali la crescita dei capelli può essere del tutto assente. La comparsa di focolai sulla testa è un segno che indica la necessità di una consultazione urgente di un tricologo, una diagnosi corretta e un trattamento di emergenza. In generale, il sospetto del paziente che la sua perdita di capelli non sia completamente ripristinata, dovrebbe farti pensare.

Quali sono le cause dell'alopecia? È necessaria la prevenzione, ad esempio, il rafforzamento regolare delle radici dei capelli con vari mezzi??

Il motivo è la maggiore sensibilità dei follicoli all'ormone disidrotestosterone, che è una caratteristica della loro struttura. E la principale prevenzione del processo è l'esclusione di fattori che influenzano negativamente la crescita dei capelli. Le misure più importanti per salvare i capelli sono proteggere il cuoio capelluto dagli effetti negativi delle radiazioni ultraviolette, smettere di fumare, pulire e curare adeguatamente il cuoio capelluto, combattere lo stress e, in generale, uno stile di vita sano. L'alopecia androgenetica oggi si riferisce a patologie associate all'età e tutte le attività che supportano l'attività e la giovinezza contribuiranno anche alla conservazione dei capelli. Il rafforzamento delle radici è impossibile; è possibile rilevare l'alopecia in una fase precoce e trattarla correttamente.

Alopecia e perdita di capelli diffusa: in che modo differiscono?

L'alopecia androgenetica è un processo geneticamente determinato, di solito il diradamento si sviluppa gradualmente, "i capelli si sciolgono". Rivolgendosi a un tricologo, le donne spesso non sono in grado di dire esattamente quando i capelli hanno iniziato a assottigliarsi o ad assottigliarsi (cambiare la loro struttura). La perdita di capelli diffusa è di solito un forte inizio di perdita di capelli, cioè una persona può nominare il giorno esatto, la settimana, quando ha iniziato a notare una grande quantità di perdita di capelli.
La precipitazione diffusa è preceduta da eventi come stress, anestesia, improvvisa perdita di peso e temperatura corporea elevata (3 mesi prima dell'inizio del processo). E il diverso risultato della precipitazione diffusa e dell'alopecia androgenetica è che quando l'alopecia delle donne si assottiglia a causa dell'atrofia dei follicoli piliferi, la precipitazione diffusa non porta al diradamento, quindi, quando stabilizzati, i capelli vengono completamente ripristinati.

L'alopecia può essere ereditata?

L'alopecia ha un tipo di eredità poligenica. Ciò significa che lo sviluppo della patologia è responsabile di una combinazione di geni che possono essere ereditati da entrambi i genitori in varie combinazioni. Pertanto, la gravità del diradamento durante l'ereditarietà può aumentare o diminuire. La prognosi più sfavorevole è per le donne e gli uomini in cui entrambi i genitori hanno sofferto di alopecia androgenetica - in questo caso, il debutto avviene di solito tra i 16-18.

Qual è la caratteristica dell'alopecia androgenetica?

Nelle giovani donne praticamente sane in età fertile, viene spesso diagnosticata l'alopecia androgenetica. Di solito non porta alla completa perdita di capelli, ma provoca un grave stress psico-emotivo a causa della rarefazione dei capelli nella parte centrale della testa. Le donne con capelli lussuosi, che considerano i capelli uno dei loro principali vantaggi e ne sono orgogliosi fin dall'infanzia, soffrono di una perdita di capelli particolarmente grave. Spesso lo sviluppo dell'alopecia androgenetica è preceduto da un fattore scatenante: fluttuazioni del background ormonale (parto, sospensione o somministrazione di contraccettivi orali, inizio della menopausa precoce), grave stress psico-emotivo (divorzio, morte di persone care, perdita finanziaria) e una serie di altri fattori. La perdita dei capelli passa, ma il diradamento rimane e continua a progredire lentamente.

Come si sviluppa la malattia, quali sono le fasi?

Se parliamo di alopecia androgenetica, quindi, come qualsiasi processo cronico, l'AHA ha uno stadio di esacerbazione e stabilizzazione, che differisce nell'attività del processo, nell'attività del prolasso e nella progressione del diradamento. Le fasi si distinguono anche in base alla gravità del diradamento, la cosiddetta classificazione Ludwig - la gravità del diradamento varia da 0 a 3 fasi.

Come viene diagnosticata l'alopecia? Quali test, procedure sono di solito prescritti?

Per diagnosticare l'alopecia, dovresti consultare un tricologo ed eseguire studi: tricoscopia e fototricogramma. Consentono di confrontare in modo affidabile i dati e comprendere quale tipo di alopecia si osserva nel paziente. Effettua anche test che sono nell'elenco dei "minimi tricologici", che mirano ad eliminare la patologia combinata: disfunzione della ghiandola tiroidea, carenza di ferro, carenza di vitamina D e una serie di infezioni. In alcuni casi, vengono prescritti esami del sangue per escludere controindicazioni all'assunzione di farmaci. Esistono anche analisi specifiche dei capelli, con le quali possiamo valutare l'attività metabolica dei follicoli piliferi. In casi diagnostici gravi, è necessario un esame istologico.

L'alopecia può andare via da sola senza trattamento?

Se parliamo di alopecia cicatriziale, il processo di perdita dei capelli è irreversibile, poiché la distruzione del complesso dei capelli sebacei e la sua sostituzione con una cicatrice. Tali forme non sono molto comuni, sebbene recentemente si sia verificata una crescita epidemica di alopecia fibrosa frontale - una delle sottospecie di alopecia cicatriziale.
Se stiamo parlando di alopecia androgenetica, quindi senza trattamento il processo può essere aggravato, ma nelle donne succede a un certo livello. A differenza degli uomini, nelle donne non tutti i follicoli sono androgeni-dipendenti, cioè sono colpiti da ormoni e assottigliamento. Un certo numero di follicoli ha una struttura normale e il disidrotestosterone non agisce su di essi. Il numero di follicoli androgeni dipendenti nella testa di una donna è determinato geneticamente: qualcuno ha il 30%, qualcuno ha l'80%, quindi il grado di possibile diradamento dei capelli con la stessa diagnosi sarà diverso. Anche con AGA, i capelli rimangono intatti e la perdita è invisibile agli altri.

Come viene trattata l'alopecia oggi?

Il minoxidil provoca una sindrome da astinenza: ciò significa che quando il farmaco viene annullato, i capelli ricominciano a cadere, com'era prima del suo uso. L'aumento della perdita è una reazione naturale, perché il minoxidil non elimina la causa della perdita (genetica e ormoni), ma rimuove solo il sintomo di perdita e assottigliamento.
Esistono molti analoghi del minoxidil (noi tricologi li chiamiamo sostanze simili al minoxidil) che non hanno una "sindrome da astinenza", ma sono anche meno efficaci. L'uso delle procedure di terapia al plasma e laser è molto promettente. Al momento, sono stati sviluppati metodi che consentono di utilizzare le iniezioni del nostro plasma per aumentare la quantità di peli sulla testa. Inoltre, un laser frazionario all'erbio viene utilizzato con successo come metodo per stimolare la crescita dei capelli in vari tipi di alopecia. Tuttavia, il trattamento dell'AHA rimane un compito scoraggiante e l'uso continuato del minoxidil è giustificato e l'unica opzione.

Alle domande ha risposto il capo medico del "CTTC" Tatyana V. Tsimbalenko @centre_trichology, dermatologo, tricologo. Autore di numerose pubblicazioni sulla tricologia, membro della Società europea per lo studio dei capelli (EHRS), la Società professionale di tricologi della Russia. Più di 15 anni di esperienza in tricologia.

Malattie dei capelli

CONSULTAZIONE GRATUITA: aiuteremo medici e proprietari di cliniche a scegliere le attrezzature per il trattamento delle malattie dei capelli

Malattie dei capelli - patologie dei follicoli e / o dei bastoncelli, che portano a una violazione della loro crescita, struttura, funzione.

Nella nostra azienda è possibile acquistare le seguenti attrezzature per la diagnosi delle malattie dei capelli:

Le malattie dei capelli più comuni sono:

  • Dermatite seborroica e forfora
  • Alopecia androgenetica
  • Alopecia areata
  • Alopecia cicatriziale

Dermatite seborroica e forfora

Malattia papulosquamous associata a infiammazione delle aree cutanee ricche di ghiandole sebacee. Quando si verifica sulla testa in una forma lieve, si chiama forfora. La prevalenza della dermatite seborroica nel mondo è del 3-5%, la forfora è più comune - fino al 15-20%.

Patogenesi della dermatite seborroica

La patogenesi della dermatite seborroica è complessa e almeno parzialmente associata ai funghi più comuni del corpo umano - Malassezia. Vivono sia sulla superficie dello strato corneo dell'epidermide, sia al suo interno, nonché nell'area dell'imbuto per capelli - l'approfondimento della pelle, dove la radice del capello passa nel fusto. Sulla superficie della pelle, i funghi interagiscono principalmente con i corneociti morti, e nell'area dell'imbuto per capelli, influenzano anche i cheratinociti vivi, poiché la funzione di barriera è ridotta qui. Ma soprattutto, Malassezia è "interessata" al sebo, i componenti di cui questo fungo mangia..

Sotto l'influenza dell'ambiente e del microbioma cutaneo, i trigliceridi e gli esteri del sebo si scompongono in di- e monogliceridi, glicerina e acidi grassi - questi ultimi sono saturi e insaturi. A causa della mancanza di desaturasi, Malassezia è in grado di metabolizzare solo acidi grassi saturi. Di conseguenza, molto rimane sulla pelle nonacidi grassi saturi che, con una certa suscettibilità della barriera epidermica, iniziano a distruggerla. Il difetto genetico responsabile di ciò resta da vedere..

Gli studi suggeriscono che i pazienti con dermatite seborroica e forfora hanno una maggiore permeabilità della barriera cutanea, che è esacerbata dagli acidi grassi insaturi - in particolare oleico. Di conseguenza, vengono scatenate l'infiammazione cronica e l'esfoliazione attiva dei corneociti, che si manifestano con i sintomi tipici della dermatite seborroica e della forfora.

È interessante notare che il numero di Malassezia nei pazienti e nelle persone sane è approssimativamente lo stesso: lo stato della difesa epidermica e dell'immunità innata è di fondamentale importanza.

Clinica per dermatite seborroica

Le manifestazioni di dermatite seborroica sul cuoio capelluto vanno da un leggero rivestimento biancastro a croste spesse estese. Dal cuoio capelluto, possono passare alla fronte, al dorso del collo e del padiglione auricolare e dietro l'orecchio (Fig. 1). A volte la dermatite seborroica si diffonde al torace, alla regione interscapolare, ascellare o inguinale.

Nei casi più gravi, i siti di lesione sono scaglie sullo sfondo di un fuoco infiammato rosso. Con infezione secondaria si sviluppa dermatite eczematoide con pianto e croste. Nelle persone con fototipi di pelle scura (V - VI), può verificarsi ipopigmentazione focale.

Figura. 1. Dermatite seborroica sul padiglione auricolare (servizio nazionale danese su dermatato-venereologia)

Tricoscopia della dermatite seborroica

  • linee rosse
  • Puntini gialli e marroni
  • Capelli nascosti
  • Piatto bianco perifollicolare
  • Anelli rossi contorti
  • Navi cricoidi
  • Favi pigmentati
  • Navi rosse atipiche
  • Iperpigmentazione perifollicolare
  • Navi glomerulari
  • Aree rosse senza struttura
  • Navi sotto forma di virgole (Fig. 2).

Figura. 2. Segno tricoscopico di dermatite seborroica - vasi sotto forma di virgole (Kibar M., et al. Risultati dermatoscopici nella psoriasi del cuoio capelluto e dermatite seborroica; due nuovi segni; nave con anello con sigillo e capelli nascosti. Indian J Dermatol 2015; 60 (1): 41 -45)

Alopecia androgenetica

Una malattia geneticamente causata in cui i capelli vengono gradualmente trasformati da folti terminali a intermedi e poi a sottili pergamene, seguiti da calvizie. Il vellus è un pelo piccolo, leggermente pigmentato con un diametro inferiore a 30 micron e una lunghezza inferiore a 2 cm, il bulbo si trova a livello dello strato reticolare del derma e il nucleo è privo di materia cerebrale e muscolo che solleva i capelli. Norma Wellus è considerata fino al 20% incluso.

L'alopecia androgenetica (AHA) colpisce circa il 50% degli uomini dopo 40 anni. Fino al 13% delle donne in premenopausa presenta alcuni segni di ipertensione arteriosa, mentre l'incidenza della malattia dopo 65 anni è in aumento - secondo alcuni rapporti, l'ipertensione antigenica si verifica nel 75% delle donne.

Patogenesi dell'alopecia androgenetica

Uno dei meccanismi di base dell'AHA è l'effetto dell'enzima 5-alfa reduttasi, presente nelle cellule del bulbo pilifero e della papilla, sul testosterone. Questo ormone sessuale si trasforma nel 5-alfa-diidrotestosterone più attivo, che penetra nella cellula e forma un complesso attivato con la proteina citoplasmatica. Dopo aver interagito con un accettore nucleare, il complesso passa nel nucleo cellulare, dove interrompe la sintesi proteica - di conseguenza, la dimensione dei follicoli diminuisce e i capelli si trasformano da terminali a vellus.

Un altro meccanismo di AHA appare nelle donne. L'enzima aromatasi trasforma il testosterone in estradiolo e il diidrotestosterone in estrone. Questi ormoni estrogenici hanno un effetto modulante sugli androgeni, con conseguente sviluppo di alopecia androgenetica di tipo femminile.

Questi sono tutt'altro che tutti i meccanismi di AHA: gli scienziati sono costantemente alla ricerca di nuovi legami nella patogenesi, a seguito dei quali il quadro generale sta diventando più complicato.

Clinica di alopecia androgenetica

I principali sintomi di AHA:

  • Insorgenza graduale della malattia
  • Perdita di capelli migliorata (Fig. 3)
  • Trasformazione dei peli da un terminale spesso pigmentato a un più sottile non deterministico e successivamente a peli sottili e sottili di vellus senza pigmento.
  • Di conseguenza, appaiono focolai di completa calvizie.

Negli uomini, i capelli nelle aree temporali si stanno gradualmente assottigliando, il che porta a un cambiamento nella linea della loro crescita. Spesso è interessata l'attaccatura dei capelli sulla fronte..

Nelle donne, il diradamento dei capelli potrebbe non portare alla completa calvizie, ma se si verifica, di solito alla corona. Allo stesso tempo, le linee di crescita frontale e temporale nelle donne non sono quasi mai interessate.

Figura. 3. Il grado di perdita dei capelli (è indicato il numero di capelli al giorno): 1–4 - normale, caratteristico delle donne con i capelli lunghi; 5–6 - rinforzato, che porta all'alopecia (Sinclair R., et al. Alopecia androgenetica: nuove intuizioni sulla patogenesi e sul meccanismo della caduta dei capelli. F1000Res 2015; 4 (F1000 Faculty Rev): 585)

Tricoscopia dell'alopecia androgenetica

  • Un aumento del numero di peli di vello oltre il 20% è il principale segno diagnostico di AHA.
  • L'anisotrichosi è un'eterogeneità del diametro dei capelli, che si verifica a causa del fatto che il processo della loro miniaturizzazione non va simultaneamente.
  • Puntini gialli: la bocca dei follicoli piliferi vuoti riempiti di secrezioni sebacee, che si formano a causa dell'aumentato periodo di latenza dei capelli.
  • Puntini bianchi - sono un riflesso della fibrosi dei follicoli piliferi.
  • Un aumento del numero di singole unità follicolari - osservato con una diminuzione del numero di follicoli piliferi attivi.
  • Alone bruno - si verifica a causa della microinfiammazione nel follicolo. Tali pazienti hanno meno probabilità di rispondere alla terapia..
  • Diminuzione della densità dei capelli - può essere sia locale che diffuso (Fig. 4).

Figura. 4. Riduzione della densità dei capelli in alopecia androgenetica (Sinclair R., et al. Alopecia androgenetica: nuove intuizioni sulla patogenesi e sul meccanismo della caduta dei capelli. F1000Res 2015; 4 (F1000 Faculty Rev): 585)

Alopecia areata

Malattia autoimmune, manifestata da perdita di capelli non cicatrizzante. È una patologia diffusa: fino al 3,8% di tutti i pazienti dermatologi soffrono di alopecia focale. Circa il 20% dei pazienti sono bambini e nel 60% della malattia si manifesta prima dei 20 anni.

Patogenesi dell'alopecia focale

L'esatta patogenesi dell'alopecia focale non è nota. L'ipotesi più popolare suggerisce che questa è una condizione autoimmune associata a una risposta immunitaria delle cellule T in persone geneticamente predisposte..

Clinica di alopecia focale

L'alopecia focale è generalmente asintomatica, ma alcuni pazienti avvertono bruciore o prurito nell'area interessata. Circa l'80% dei pazienti ha 1 sito di calvizie, 12,5% - 2 siti, 7,7% - 3 o più siti. L'alopecia focale colpisce più spesso il cuoio capelluto - 70-95% dei casi, meno spesso una barba - 28%, sopracciglia - 3,8% e arti - 1,3%.

Forma localizzata (alopecia areata): meno del 50% dei capelli cade, le aree interessate sono limitate, nella maggior parte dei pazienti i capelli crescono spontaneamente per diversi mesi (Fig. 5).

Una forma comune (alopecia totale / universale): oltre il 50% dei capelli cade, questa opzione è meno comune (in media nel 7% dei pazienti). Nel 30% dei pazienti con alopecia totale, la completa caduta dei capelli avviene entro 6 mesi dall'esordio della malattia.

Figura. 5. Alopecia focale (servizio nazionale danese di dermatologia-venereologia)

Tricoscopia dell'alopecia focale

  • Capelli corti di pergamena
  • Puntini gialli
  • Puntini neri (Fig.6)
  • Capelli lisci
  • Capelli ricci
  • Punto esclamativo capelli

Figura. 6. Segni tricoscopici di alopecia focale: punti neri (freccia blu) e capelli arricciati (freccia rossa) (Jha A.K., et al. Dermoscopia di alopecia areata - un'analisi retrospettiva. Dermatol Pract Concept 2017; 7 (2): 53–57)

Alopecia cicatriziale

Rappresentano la perdita della bocca dei follicoli piliferi con la loro sostituzione con tessuto fibroso e perdita di capelli insostituibile. L'alopecia cicatriziale si verifica sullo sfondo di infezioni virali o batteriche (lupus eritematoso sistemico, lesioni cutanee pustolose e fungine), nonché dopo lesioni fisiche, ustioni termiche o chimiche. La prevalenza nel mondo è di circa il 7%.

Classificazione dell'alopecia cicatriziale

  1. Associato al lichen planus follicolare:
  • L'alopecia fibrotica frontale è una variante clinica comune del lichen planus follicolare, che si sviluppa nelle donne in postmenopausa.
  • Alopecia fibrosa con distribuzione di modelli - ha somiglianze istologiche e cliniche con alopecia androgenetica.
  • Sindrome di Graham-Little - dermatosi polimorfica con cheratosi follicolare-atrofica di eziologia sconosciuta.
  1. L'alopecia cicatriziale centrale centrifuga è una vasta categoria di alopecia adottata dalla North American Society for the Study of Hair. Di per sé, non è un'opzione clinica, ma include alcune pseudopelads, alopecia da trazione, ecc.:
  • La pseudopelata di Brock è calvizie circolare nelle donne dopo i 40 anni.
  • Alopecia da trazione - si sviluppa con effetti meccanici prolungati sui capelli. Più spesso osservato nella popolazione afroamericana a causa dell'acconciatura in trecce strette: fino al 17% delle ragazze di età compresa tra 6 e 21 anni e fino al 32% delle donne anziane soffrono di questa patologia. L'alopecia da trazione è caratteristica degli atleti che tirano i capelli in una crocchia stretta in allenamento e ballerini professionisti.
  1. Alopecia mucinosa - si verifica sullo sfondo della micosi fungina.
  2. Alopecia dopo chemioterapia - si sviluppa dopo diversi cicli di farmaci citostatici.
  3. Cheratosi follicolare atrofica - include una serie di manifestazioni cliniche che portano alla perdita di capelli cicatriziale.
  4. Alopecia cicatriziale sistemica secondaria - si verificano sullo sfondo di malattie sistemiche del corpo: sclerodermia, lupus eritematoso discoide, ecc..

Patogenesi dell'alopecia cicatriziale

L'alopecia cicatriziale primaria si sviluppa a causa di un processo infiammatorio cronico nell'area del follicolo pilifero. Un aspetto importante della patogenesi è la posizione dell'infiltrato nella metà superiore del follicolo - l'area delle ghiandole sebacee, sotto la quale sono raggruppate le cellule staminali multipotenti della zona di rigonfiamento (tubercolo). Poiché le ghiandole sebacee e il rigonfiamento sono le strutture chiave che determinano la crescita e la rigenerazione dei capelli, la loro perdita porta alla sua morte. La riduzione delle ghiandole sebacee è anche un primo segno istologico della malattia..

La patogenesi dell'alopecia cicatriziale secondaria è associata a malattie sistemiche del corpo - ad esempio sclerodermia.

Clinica di alopecia cicatriziale

  1. Associato al lichen planus follicolare - i sintomi comuni includono prurito, bruciore e dolore. Il 30% dei pazienti sviluppa alopecia androgenetica.
  2. Alopecia cicatriziale centrifuga centrale - osservata lenta perdita di capelli asintomatica.
  3. Alopecia mucinosa - i pazienti riportano disidrosi (sintomi simili all'eczema con vescicole trasparenti nell'epidermide) e disestesia (cambiamento di sensibilità).
  4. Alopecia dopo chemioterapia - accompagnata da una sensazione di formicolio del cuoio capelluto. L'effetto citotossico sui follicoli piliferi porta a una caduta temporanea dei capelli, di solito dopo 4 settimane di trattamento (Fig. 7). I nuovi capelli crescono dopo l'inizio di anagen, ad es. dopo una media di 6 mesi, previo completamento della chemioterapia.
  5. Cheratosi follicolare atrofica - i pazienti con acne cheloide di solito lamentano prurito, bruciore e sensibilizzazione della pelle.
  6. Alopecia cicatriziale sistemica secondaria - prurito, bruciore, dolore del cuoio capelluto.

Figura. 7. Alopecia dopo chemioterapia (servizio nazionale danese di dermatologia-venereologia)

Tricoscopia dell'alopecia cicatriziale

  • Grandi navi ramificate
  • Anse vascolari allungate
  • Placca perifollicolare (Fig.8)
  • Punta aureola con aureola bianca
  • Zone biancastre e rossastre con un minimo di estuari follicolari
  • Pigmentazione marrone macchiata (Fig. 9)
  • Zone giallastre senza cornice
  • Puntini bianchi
  • Punti neri
  • Puntini gialli sporgenti con capelli distrofici all'interno

Figura. 8. Segni tricoscopici di alopecia cicatriziale con lichen planus follicolare: a - placca periferica, b - anse vascolari allungate, c - classici punti bianchi con tendenza a formare aree fibrosate (Rakowska. A., et al. Tricoscopia dell'alopecia cicatriziale. J Drugs Dermatol 2012; 11: 753–758)

Figura. 9. Segni tricoscopici di alopecia cicatriziale con lupus eritematoso discoide: a - vasi ramificati spessi, b - grandi punti gialli, c - pigmentazione marrone macchiata (Rakowska. A., et al. Tricoscopia di alopecia cicatriziale. J Drugs Dermatol 2012; 11: 753 -758)

Imaging diagnostico delle malattie dei capelli

Come si può vedere dalla descrizione delle malattie dei capelli, i segni valutati visivamente sono di grande importanza nella loro diagnosi differenziale. La tricoscopia è una direzione giovane separata nella dermatoscopia, che combina i metodi di esame del cuoio capelluto usando un dermatoscopio.

Oggi, tra le malattie dei capelli, ci sono circa 200 nosologie e per il trattamento corretto nella maggior parte dei casi è necessario un esame tricoscopico. Il metodo più moderno e conveniente è la tricoscopia digitale, uno studio che utilizza un dermatoscopio, che scatta fotografie digitali, le elabora e le memorizza. Di solito, viene utilizzato un aumento di 60 o 70 volte per questo, che è molto più grande di un dermatoscopio convenzionale. Questo è molto importante perché con la tricoscopia, è necessario visualizzare le condizioni di piccoli vasi, bacchette e follicoli.

Il leader riconosciuto nella dermatoscopia digitale è la società tedesca FotoFinder, che produce una serie di sistemi software e hardware, anche per la diagnosi delle malattie dei capelli e del cuoio capelluto. Oggi, tutti i principali tricologi del mondo utilizzano le soluzioni FotoFinder e la maggior parte dei libri di testo e atlanti sulla tricologia sono creati su fotocamere digitali FotoFinder.

Un altro metodo di ricerca in tricologia è la tricografia. Consiste in una valutazione quantitativa della condizione dei capelli: conteggio del numero e della densità delle bacchette, del numero di follicoli, della proporzione di capelli sottili, medi e spessi e di altri segni importanti principalmente per valutare l'efficacia del trattamento.

Uno standard moderno è un fototricogramma, durante il quale le foto digitali scattate con un dermatoscopio vengono salvate e analizzate. Questa tecnica non può ancora essere completamente automatizzata: il calcolo viene eseguito manualmente, il che non è molto conveniente e richiede molto tempo. Fortunatamente, esistono già servizi di analisi remota per istruire i professionisti del conteggio di routine. Non solo determineranno tutti i parametri del fototricogramma, ma produrranno anche una diagnosi presuntiva. Un esempio lampante di tale servizio è tricholab.com - una divisione di FotoFinder, che riunisce esperti di livello mondiale nel campo della tricologia.

Nella diagnosi di una serie di malattie dei capelli, un segno importante è la valutazione della quantità (densità) di capelli nella fase anagen. Oggi, ciò può essere fatto utilizzando l'analisi del computer utilizzando i prodotti software FotoFinder. Ciò richiede una preparazione preliminare del paziente: un piccolo settore viene rasato sulla pelle, dopo 48 ore i capelli in crescita vengono tinti, una foto viene scattata e analizzata su un programma speciale. Il pelo nell'anagen ha il tempo di crescere in 48 ore ed è molto diverso in lunghezza dagli altri peli. Il programma è in grado di riconoscere e contare i capelli anagen, fornendo rapidamente al medico le informazioni più accurate.

Alopecia androgenetica. Aggiornare

Relatore: Julia Ovcharenko, Professore associato, Dipartimento di Dermatovenereologia, KhMAPE, Membro del Consiglio della Società europea per lo studio dei capelli (EHRS), Capo della Clinica "Institute of Trichology" (Kharkov)

introduzione

L'alopecia androgenetica (AHA) è una complessa condizione poligenica multifattoriale, che è la forma più comune di perdita di capelli che colpisce fino all'80% degli uomini e al 50% delle donne durante la loro vita. L'AGA si sviluppa nel corso degli anni ed è un riflesso dell'invecchiamento precoce segmentario o specifico per organo..

Gli studi genetici di questa malattia hanno nuovamente evidenziato il ruolo dell'eredità. A questo proposito, una recente analisi di studi genetici pubblicati sull'AHA ha rivelato una nuova associazione di AHA e rs7349332 situata nella regione introne di WNT10A, suggerendo così il coinvolgimento della segnalazione WNT nell'eziologia di AHA. In uno studio tedesco di controllo caso di AHA, è stato dimostrato che una delle cause del rischio genetico di AHA è una componente poligenica pronunciata. Questo fatto probabilmente riflette la complessità dei percorsi biologici associati all'AHA.

Test genetici

Attualmente si ritiene che l'AHA sia un tratto geneticamente multifattoriale con una struttura genetica complessa..

Il gene "di solito sospetto" sul "lato androgeno" in questo caso è il gene del recettore degli androgeni (AR), che si trova sul cromosoma X, che può spiegare la trasmissione di AHA dalla madre. Non è ancora chiaro quali geni diversi dall'AR siano responsabili dell'AHA. I pazienti devono essere consapevoli del fatto che i moderni test genetici si basano sulle variazioni del gene AR, mentre l'insorgenza dell'alopecia androgenetica è in realtà causata dal coinvolgimento poligenico di altri geni o meccanismi epigenetici

Fenomenologia clinica

L'AHA è un processo continuo e prolungato, non una serie di fasi separate della malattia, e ogni paziente è caratterizzato da una vasta gamma di sintomi diversi. Con la progressione, l'AHA si comporta in modo simile al processo di invecchiamento dei tessuti - nei follicoli piliferi, come in altri organi, aumenta la proporzione di cellule che portano solo una funzione strutturale, si verificano suture, costrizioni, cicatrici, sclerosi - lo sviluppo potenziato di componenti del tessuto connettivo, che porta all'indebolimento di specifici funzioni, diradamento e perdita di capelli

Lo spostamento della linea frontale di crescita posteriore e la calvizie della corona sono i principali segni di alopecia androgenetica maschile. Inoltre, le aree di alopecia possono fondersi in un unico intero, a seguito del quale sui lati e sulla parte posteriore della testa del cuoio capelluto rimane solo un bordo di normale crescita dei capelli.

L'AHA nelle donne progredisce più lentamente, la sua gravità è inferiore e dimostra una maggiore varietà di risposte alla terapia.

Nelle donne, si distinguono tre diversi modelli di AHA:

assottigliamento diffuso della zona della corona mantenendo l'attaccatura frontale (modello Ludwig);

assottigliamento e diffusione sulla parte centrale del cuoio capelluto in caso di violazione della linea frontale di crescita dei capelli (modello dell'albero di Natale);

l'assottigliamento associato a patch calve bitemporali (modello Hamilton) è più spesso osservato nelle donne in menopausa e nelle donne con iperandrogenismo.

Alopecia androgenetica nelle sindromi

In rari casi, l'alopecia androgenetica estremamente grave o il suo esordio precoce possono essere un sintomo di una malattia genetica complessa, come,

  • sindrome tricorinofalangea;
  • correre e;
  • Sindrome di Laron;
  • e distrofia miotonica del Kurshman-Steinert-Batten.

Calvizie prematura

L'alopecia androgenetica, i cui segni clinici compaiono tra i 10 e i 20 anni, è chiamata alopecia precoce o precoce. Nei bambini prima della pubertà, la malattia, sia nei ragazzi che nelle ragazze, si manifesta esclusivamente come calvizie femminile.

La diagnosi differenziale della perdita di capelli congenita comprende:

  • ipotricosi semplice;
  • e displasia ectodermica (con concomitante ritardo nello sviluppo fisico / mentale, sudorazione, anomalie delle unghie e dei denti).

L'evoluzione delle classificazioni

Determinare la gravità dell'alopecia androgenetica è una sfida.

Nella fila superiore ci sono quattro disegni scolpiti sulle pareti di una grotta primitiva. Ci sono voluti circa 30 mila anni per classificare la tipica perdita di capelli negli uomini, mostrata nella fila inferiore. Sono stati ora sviluppati e modificati vari metodi di classificazione..

Classificazioni AHA

Fino a poco tempo fa, lo standard generalmente accettato era la classificazione Hamilton-Norwood (1951-1975) per gli uomini e la classificazione Ludwig (1977) per le donne, sottolineando l'eterogeneità di genere.

Evoluzione o rivoluzione?

Era necessario migliorare le classificazioni esistenti, a seguito delle quali nel 2007 è stata creata una classificazione universale. Nel 2007, Lee et al. proposto un sistema di classificazione di base e specifico (BASP), che è una versione migliorata della classificazione di Norwood-Hamilton, comprende quattro tipi di base (L, M, C, U) e due tipi specifici (F e V).

Classificazione di base e specifica (BASP) per la perdita di capelli con motivo (da: Lee WS, Ro BI, Hong SP et al (2007) Una nuova classificazione di perdita di capelli con motivo che è universale per uomini e donne: classificazione di base e specifica (BASP). J Am Acad Dermatol 57 (1): 37–46)

La nuova classificazione della perdita di capelli tipica è uno strumento universale utilizzato per uomini e donne: classificazione di base e specifica (BASP).

Con il suo aiuto, si può valutare sia l'ulteriore grado di caduta dei capelli che la risposta alla terapia. Grazie al miglioramento delle carenze delle classificazioni esistenti, è facile da ricordare e più facile da applicare in ambito clinico. La classificazione Norwood-Hamilton non tiene conto di alcuni tipi specifici di calvizie, come la caduta dei capelli femminile.

Inoltre, la scala Ludwig non può essere utilizzata per classificare la calvizie maschile nelle donne. BASP, indipendentemente dal genere o dalla razza, ti consente di classificare tutte le varietà di tipi di perdita di capelli.

Ragioni per lo sviluppo di AHA

Il fattore più significativo negli uomini è l'aumento dell'attività dell'enzima 5 alfa-reduttasi II, che metabolizza il testosterone testicolare in diidrotestosterone (DHT) nei follicoli piliferi geneticamente predisposti.

Nelle donne, di norma, un ruolo significativo è giocato da una diminuzione dell'attività dell'aromatasi, che converte il testosterone ovarico che circola nel sangue in 17 beta-estradiolo.

Un aumento della concentrazione locale di DHT porta a una progressiva riduzione dell'anafase dovuta alla più lunga fase telogen ed è accompagnata da una progressiva miniaturizzazione dell'HF. La miniaturizzazione della VF è dovuta a riduzioni relativamente marcate del numero di cellule della papilla dermica e della membrana cutanea. Accompagnato da:

  • riduzione della quantità assoluta di WF,
  • una diminuzione del periodo anafase,
  • diametro delle aste,
  • nonché un aumento della durata della fase Kenogen.

Il ruolo dell'infiammazione perifollicolare

Oltre ai cambiamenti androgeni-dipendenti nella patogenesi dell'AHA, è stato dimostrato il coinvolgimento della microinfiammazione follicolare con la formazione di fibrosi provocata dall'attuale flora batterica, dalle tossine e dallo stress ossidativo.

Nuovi aspetti della patobiologia dell'alopecia androgenetica

Continua la ricerca di meccanismi che regolano l'attivazione e lo sviluppo progressivo di AHA. Lo stress ossidativo è stato trovato per essere un importante contributo alla calvizie..

Rispetto alle cellule prelevate dalla regione occipitale non colpite dalla calvizie, le cellule della papilla cutanea dall'area calva degli uomini erano caratterizzate da una sensibilità significativamente maggiore allo stress ossidativo. Sono stati inoltre caratterizzati da una ridotta proliferazione e migrazione, accompagnata da un aumento del livello di specie reattive dell'ossigeno e dell'invecchiamento..


AHA - un indicatore dell'invecchiamento?

Alcuni esperti considerano AGA come un invecchiamento accelerato segmentario specifico per organo con una maggiore sensibilità dello stress ossidativo ai fibroblasti del follicolo pilifero..

Di recente, è stata prestata particolare attenzione al ruolo di organi aggiuntivi situati nelle immediate vicinanze del follicolo pilifero. Come nuovo partecipante alla patogenesi dell'AGA, è stato sollevato il muscolo che solleva i capelli.

È stata proposta un'ipotesi che la perdita della connessione del muscolo che solleva i capelli con l'unità follicolare controlla il processo di miniaturizzazione in AHA e porta alla sua irreversibilità, in contrasto con il processo reversibile osservato in alopecia areata, in cui viene preservata la connessione del muscolo e dell'unità follicolare.

Alopecia androgenetica. Ipotesi

È stato suggerito che il muscolo che solleva i capelli è sostituito dal tessuto adiposo e questo fenomeno può portare all'esaurimento delle cellule staminali o progenitrici nel mesenchima follicolo.

Le ghiandole sebacee sono state anche avanzate per il ruolo di potenziali fattori nella patologia dell'AHA. È stato dimostrato che nei pazienti con AHA, l'area delle ghiandole sebacee aumenta significativamente con un aumento simultaneo del numero di azioni in ciascuna unità follicolare. È stato suggerito che la stretta relazione tra DHT e l'attività funzionale della ghiandola sebacea porta alla loro espansione, che può provocare una transizione precoce alla fase catagen o telogen.

I processi androgeni-dipendenti nei tessuti bersaglio si verificano principalmente a causa del legame del DHT con l'AR.

Le funzioni cellulari dipendenti dal DHT sono determinate dalla presenza di androgeni deboli, dalla loro conversione in androgeni più potenti sotto l'azione della 5-alfa reduttasi, dalla bassa attività enzimatica degli enzimi che disattivano gli androgeni e dalla presenza di grandi quantità di AR funzionalmente attivi.

Alti livelli di DHT e maggiore espressione di AR sono registrati sul cuoio capelluto incline alla malattia del cuoio capelluto.

Il ruolo chiave è dato alla conversione del testosterone in DHT nella papilla dermica, mentre i fattori regolati dagli androgeni prodotti dalle cellule della papilla dermica influenzano presumibilmente la crescita di altri componenti della WF.


Solo una parte delle donne con AHA conferma la presenza di alterazioni patologiche nel metabolismo degli androgeni nel siero del sangue periferico e le deviazioni dalla norma sono spesso insignificanti. Secondo gli studi di Moltz su 125 donne con AHA, un aumento del livello di testosterone libero è stato riscontrato solo nel 29%.

L'interruzione endocrina dall'altra parte dell'orizzonte androgeno, caratterizzata da prolattinemia, alterato ormone stimolante la tiroide (TSH), melatonina, somatotropina, è stata descritta in AGA. Esiste una relazione associata a una riduzione della ferritina sierica (A).

Secondo una recente meta-analisi, la diffusione dell'AHA sulla corona è associata a un aumento significativo del rischio di sviluppare il cancro alla prostata, mentre per altri tipi di diffusione dell'AHA, un aumento significativo del rischio di cancro alla prostata non è caratteristico.

Concetti terapeutici per invertire la perdita di capelli androgenetica

Minoxidil

Il minoxidil è un farmaco universale disponibile sul mercato interno con un ampio spettro di azione.

Il minoxidil, un derivato pirimidinico della piperidina, un vasodilatatore arteriolare che attiva i canali del potassio, viene catalizzato in NKB dal minoxidil sulfotransferasi al minoxidil solfato, un metabolita attivo, che si ritiene sia:

  • stimola i follicoli piliferi,
  • aumenta il flusso sanguigno,
  • attiva l'espressione del mRNA del fattore di crescita vascolare endoteliale nelle cellule della papilla dermica, esercitando un effetto antiapoptotico,
  • prolunga l'anagen,
  • porta ad una diminuzione dei follicoli telogen e ad un aumento delle dimensioni di HF,
  • dimostrato effetto immunoregolatorio dovuto all'effetto inibitorio sui linfociti T..

Minoxidil Ricerche cliniche

• In due studi condotti su 493 donne, una soluzione al 5% è stata confrontata con una soluzione al 2%. Sulla base dei dati di conteggio dei capelli, una soluzione al 5% era leggermente più efficace di una soluzione al 2%.

• In un recente studio comparativo di minoxidil schiuma 5% e minoxidil soluzione 2% in pazienti bianchi, sono stati ottenuti risultati simili.

È stato sviluppato un test per determinare la risposta al minoxidil. La questione della "prevedibilità" del trattamento con minoxidil è molto rilevante, poiché solo il 40% dei pazienti può vantare una rinnovata crescita dei capelli. Allo stesso tempo, per valutare l'efficacia della terapia, è necessario attendere da 3 a 6 mesi, per tutto il tempo prendendo la medicina "invano". I ricercatori hanno cercato di utilizzare la determinazione dell'attività della sulfotransferasi nei follicoli piliferi per una diagnosi precoce dell'effetto del minoxidil.

L'essenza del nuovo test si basa sulle seguenti osservazioni. Il minoxidil nel cuoio capelluto sotto l'azione dell'enzima SULT1A1 viene convertito in minoxidil solfato. Si presume che l'attività di SULT1A1 nei follicoli piliferi sia correlata all'efficacia del farmaco

Pertanto, l'uso del test della sulfotransferasi aiuterà a escludere fino al 95% dei pazienti che sono immuni alla terapia

Finasteride e dutasteride

La dutasteride, che viene utilizzata da molti dermatologi, ha mostrato risultati incoraggianti nel trattamento dell'AHA maschile, nonostante il fatto che il farmaco sia approvato per il trattamento di questa condizione solo in Corea. Dutasteride ha un profilo di sicurezza simile alla finasteride..

Gübelin Harya (GübelinHarcha) et al. nel 2014, hanno pubblicato i risultati di un ampio studio randomizzato e controllato sull'efficacia comparativa di varie dosi di dutasteride e 1 mg di finasteride e placebo. Gli autori hanno scoperto che, rispetto a 1 mg di finasteride, l'efficacia dell'assunzione di 0,5 mg di dutasteride era significativamente maggiore. Questi risultati hanno ulteriormente supportato l'evidenza di una maggiore efficacia della dutasteride (rispetto alla finasteride 5 mg) nell'aumentare la crescita dei capelli da un precedente studio randomizzato controllato condotto da Olsen (Olsen et al. (2006)).

Finasteride per uso topico

Gli scienziati svizzeri, curando la sicurezza del trattamento dell'AGA, hanno sviluppato un nuovo agente brevettato P-3074, che è una lozione alla finasteride allo 0,25% per uso topico. Nei test clinici, riduce la concentrazione di diidrotestosterone nella cute del cuoio capelluto del 40% in più rispetto alla finasteride orale. I preparati topici con una combinazione di minoxidil e finasteride sono interessanti..

Melatonina topica

Le potenti proprietà antiossidanti della melatonina sopra descritte consentono di considerarlo come una possibile opzione per contrastare lo stress ossidativo associato al diradamento involutivo dei capelli durante l'AHA e come misure preventive per ingrigire.

Di recente, i preparati locali di melatonina sono arrivati ​​sul mercato europeo come capelli cosmetici anti-invecchiamento. È stato dimostrato che la melatonina locale sopprime la soglia dell'eritema a causa delle radiazioni UV e aumenta anche la percentuale di capelli anagen nelle donne con AHA.

Questi dati sono supportati dai risultati di uno studio pilota in doppio cieco, controllato con placebo, in cui la somministrazione topica di 1 ml di soluzione alcolica di melatonina allo 0,1% nelle donne con AHA e alopecia diffusa ha portato a un aumento significativo dei capelli anagen dopo sei mesi di utilizzo rispetto al placebo

Antiandrogeni orali

Il minoxidil alternativo può essere ciproterone acetato, spironolattone e flutamide.

Trattamenti adiuvanti per AHA e meccanismi di azione

Stimolazione della crescita dei capelli

Additivi senza ferro in assenza di carenza

Vitamine (biotina, derivati ​​della niacina), caffeina, melatonina

Esposizione a campo elettromagnetico / statico

Miglioramento della vascolarizzazione perifollicolare

Prostaglandine (viprostol, latanoprost), aminexil, glicerolo ossiesteri e silicio

Minerali, derivati ​​della niacina

Inibizione del DHT

Cimicifuga racemosa (Cimicifuga racemosa)

Aminoacidi, Vitamine (biotina, derivati ​​della niacina)

Traccia elementi (zinco, rame)

Terapia adiuvante

Attualmente, l'efficacia e la sicurezza di una soluzione di minoxidil in una concentrazione del 2% e 5% applicata due volte al giorno per il trattamento dell'AHA ha il più alto livello di evidenza.

I risultati dell'uso di agenti farmacologici approvati per il trattamento di altre malattie, come gli antiandrogeni orali, sono contraddittori.

Se la terapia farmacologica è inefficace, si raccomanda un trattamento chirurgico, sebbene anche in questo caso vi sia un'alta variabilità dei risultati.

Di recente sono stati proposti diversi metodi promettenti.

Plasma arricchito con piastrine (OTP)

In assenza di un livello di concentrazione ottimale stabilito, il metodo attualmente utilizzato per preparare OTP consente di ottenere l'arricchimento ad un livello del 300-700% (di norma, oltre 1.000.000 di piastrine / μl).

Il possibile effetto dell'OTP sulla crescita dei capelli è stato studiato dal 2012 nel corso degli studi su invito e invivo nei topi..

Gli attuali meccanismi di azione sul follicolo pilifero rimangono controversi: l'invito OTP attiva la proliferazione delle cellule della papilla cutanea e previene l'apoptosi, che provoca un aumento dell'espressione di Akt e Bcl-2. Inoltre, OTP è coinvolto nella formazione dell'epitelio pilifero e nella differenziazione delle cellule staminali in cellule del follicolo pilifero. La maggiore espressione di FGR-7 porta all'estensione della fase anagen nel ciclo di crescita dei capelli.

I risultati pubblicati di un numero limitato di studi clinici sull'efficacia di OTP per la crescita dei capelli non possono essere considerati obiettivi. Dei 14 studi clinici inclusi nella revisione sistematica di Gkini et al., I risultati di soli 2 studi condotti sulle donne sono stati valutati secondo i principi della medicina basata sull'evidenza


laser

I laser e i dispositivi di terapia della luce utilizzano sorgenti di luce monocromatiche con una lunghezza d'onda compresa tra 600 e 1400 nm nella regione rossa / infrarossa dello spettro.

L'uso della terapia laser a bassa intensità (LILT), in particolare, rappresenta un nuovo approccio al trattamento di alcune malattie dei capelli, inclusa l'alopecia androgenetica. Nonostante la mancanza di una chiara comprensione del meccanismo d'azione, la terapia laser stimola la riconversione dei follicoli piliferi telogenici alla fase anagen, aumenta la durata dell'anafase, stimola le cellule staminali epidermiche nell'area del rigonfiamento del follicolo pilifero e previene l'insorgenza prematura della fase catagen.

Inoltre, è stato riscontrato che questo tipo di terapia regola la risposta antinfiammatoria e immunologica..

Nel 2011, la Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti ha approvato l'uso del pettine laser Hairmax Lasercomb R per il trattamento dell'AGA femminile, ma non ci sono risultati pubblicati di studi sulla sua efficacia nelle donne.

Nonostante numerosi studi, sono necessari ulteriori dati per sviluppare una procedura di trattamento standardizzata, tra cui lunghezza d'onda, grado di coerenza e parametri dosimetrici ottimali.

La sicurezza e la possibile efficacia di LILT come opzione per il trattamento di pazienti con AHA che non hanno una risposta alla terapia standard o che sono intolleranti ad essa devono essere confermate durante ulteriori studi clinici.

Dutasteride in Mesoterapia

In uno studio recente, 126 pazienti hanno studiato l'efficacia delle iniezioni topiche di dutasteride nel trattamento della perdita di capelli femminile. Una combinazione di 0,5 mg di dutasteride, 20 mg di biotina, 200 mg di piridossina e 500 mg di D-pantenolo in una soluzione da 2 ml è stata introdotta intradermicamente nella parte superiore della testa usando mesoterapia. Le iniezioni sono state ripetute settimanalmente per 8 settimane, quindi ogni 2 settimane per 4 settimane, l'ultima sessione è stata effettuata alla settimana 16.

È stato scoperto che 18 settimane dopo l'inizio del trattamento (rispetto al gruppo di controllo che riceveva soluzione salina fisiologica), questo metodo ha avuto un effetto positivo sulla crescita dei capelli nelle donne con PVT. Alla 18a settimana, il 62,8% dei pazienti ha mostrato miglioramenti registrati nelle fotografie, un aumento del diametro dei capelli e una diminuzione della caduta dei capelli.

Analoghi di prostaglandine

Analoghi della prostaglandina (APG), come latanoprost e bimatoprost, sono preparazioni topiche per il trattamento del glaucoma e dell'ipertensione intraoculare. È stato successivamente scoperto che queste sostanze contribuiscono alla crescita e alla pigmentazione delle ciglia. Si ritiene che il meccanismo d'azione che promuove la ripresa della crescita dei capelli sia la stimolazione della papilla dermica, portando all'attivazione della transizione dei capelli telogenici alla fase anagen.

Ad oggi, non ci sono dati sull'uso di APG per il trattamento dell'AGA femminile.

L'uso di iniezioni nel cuoio capelluto del bimatoprost 0,03% una volta alla settimana per 12 settimane, quindi ogni due settimane per 4 settimane in un paziente di 59 anni con PVT non ha avuto successo.

Terapia del microneedle

Sulla base dell'effetto proposto sul rilascio di fattori di crescita derivati ​​dalle piastrine, attivazione delle cellule staminali e sovraespressione di geni associati alla crescita dei capelli, si propone di utilizzare la terapia con microneedle come nuovo trattamento per l'AHA.

Uno studio randomizzato su 100 uomini con AHA da lieve a moderato ha dimostrato che l'efficacia dell'uso combinato di dermaroller e lozione minoxidil al 5% nell'attivazione della crescita dei capelli era significativamente superiore all'efficacia del solo minoxidil.

Nonostante questi risultati promettenti, l'uso di questo metodo nel trattamento dell'AHA richiede una conferma negli studi clinici..


Trapianto di capelli

Se non è possibile migliorare lo stato di caduta dei capelli con metodi standard di trattamento, il trapianto di capelli può essere considerato un'opzione di trattamento. Questa procedura ancora efficace dovrebbe essere eseguita da un chirurgo esperto, durante il quale i singoli follicoli piliferi vengono trapiantati dal sito del donatore, ma, a differenza degli uomini, le donne hanno un'area molto limitata a causa della natura diffusa della caduta dei capelli..

Tra le complicazioni dell'operazione: caduta temporanea dei capelli dopo trapianto, infezione, dolore e fallimento del trapianto.

Il trapianto di capelli viene eseguito con vari metodi, uno di questi metodi è PL-FUT
longitudinalpartialfollicularunittransplantation.

Il nuovo metodo consiste nell'estrazione longitudinale parziale dell'unità follicolare, che può essere utilizzata come unità follicolare a pieno titolo per formare un follicolo pilifero completamente differenziato. L'unità follicolare parziale che rimane nel derma sul sito del donatore può sopravvivere e formare i capelli.

Trapianto di capelli: esiste un'alternativa?

Al VII Congresso mondiale sulla ricerca dei capelli a Edimburgo nel maggio 2013, gli scienziati canadesi hanno annunciato l'avvio di uno studio in doppio cieco, controllato con placebo, il cui scopo è studiare l'efficacia dell'uso di cellule staminali autologhe per il trattamento dell'alopecia androgenetica.

Questo metodo ti permetterà di ripristinare i capelli con una singola iniezione della zona di calvizie con una soluzione contenente le cellule proprie della zona di crescita dei follicoli del paziente cresciute in laboratorio.

Aree di ricerca future

Le moderne aree di ricerca e i futuri metodi di effetti terapeutici sono:

  • cellule staminali follicolari,
  • nonché tecnologie per la coltivazione del tessuto follicolo pilifero.

L'identificazione accurata e l'erogazione efficace di adeguati meccanismi protettivi e di innesco che stimoleranno l'attivazione delle cellule staminali a riposo renderanno reale la prevenzione e l'inversione del processo di caduta dei capelli..

Scritto sulla base del rapporto di Ovcharenko Yu.S., Professore associato del Dipartimento di Dermatovenereologia di KhMAPE, Membro del Consiglio dell'European Society for Hair Research (EHRS), Capo dell'Istituto Clinico di Tricologia (Kharkov) presso la VI Conferenza scientifica e pratica della Società professionale di tricologi senza scopo di lucro.

Tigna nell'uomo

Trecce per ragazze: 100 acconciature con foto passo dopo passo